Associazione Specializzata di Razza riconosciuta dall'Ente Nazionale della Cinofilia Italiana

Archivio News

Attenzione: pericolo bocconi avvelenati

21/04/2015

Purtroppo per il piccolo Edrek non c'è stato nulla da fare. Una passeggiata nei boschi, un semplice quotidiano momento di svago sabato scorso in un attimo si è trasformato in tragedia: in poche ore, nonostante il pronto soccorso veterinario il piccolo è morto. Si é allontanato solo di pochi metri ed è tornato masticando quella che sembrava una salsiccia. E' morto a poche ore di distanza, nonostante i tentativi dei medici per salvarlo.
Sono in corso gli accertamenti per individuare la sostanza letale che ha ingerito. Questa assurda tragedia si è consumata nei boschi della Franciacorta, a Provaglio d'Iseo in provincia di Brescia, dove sono stati segnalati più di 20 animali morti avvelenati in un solo anno!
Ma altri bocconi potenzialmente letali sono stati recentemente segnalati in altre zone del nord Italia, come Monza, Milano, Lecco, Bergamo.
Fate moltissima attenzione e non lasciate mai liberi i vostri cani nelle zone a rischio. Quando li liberate, anche nei parchi pubblici in città, vigilate sempre su di loro, evitando accuratamente che si allontanino dalla vostra vista. Una possibile precauzione qualora vi sia il dubbio che abbiano ingerito una sostanza tossica di tipo rodenticida (veleno per topi) è somministrare subito in via preventiva una dose di vitamina K1 che aiuta a sintetizzare nuovi fattori della coagulazione.
La cosa migliore e fondamentale però è sicuramente raggiungere immediatamente il centro veterinario più vicino per le cure di primo soccorso: la tempestività dell'intervento può fare la differenza tra la vita e la morte. Inoltre è importante essere informati (da un Medico Veterinario) di tutti i possibili sintomi dell'avvelenamento, che potrebbero insorgere anche a distanza di ore o addirittura di giorni, per riconoscerli tempestivamente.
Sporgete sempre denuncia contro questi atti crudeli, incivili e illegali. E se trovate un boccone sospetto raccoglietelo con le dovute precauzioni e fatelo analizzare alle Assl.
Si tratta di un reato grave, darne notizia alle Autorità competenti non solo è un preciso dovere, ma può concretamente aiutare a prevenire futuri episodi, salvando la vita di altri cani.


Sede legale: c/o ENCI - V.le Corsica, 20 - 20137 Milano - CF. 97209800156 - Email: segreteria@rrci.it